giovedì, marzo 10, 2011

lunedì, settembre 22, 2008

By by Stato...by by democrazia

Le notizie di questi giorni non sono certo delle migliori...

Alitalia sembra destinata a fallire, il nazionalismo diffuso di Berlusconi & Company sembra non aver trovato alcuna fondamenta.
Nazionalismo con che fa rima? Razzismo? Si esatto, potrebbe far rima con altre 37820 frasi, ma la scelta non è casuale.
A Milano è stato ucciso un ragazzo di colore a sprancate per la più stupida delle ragioni.
Borghezio a Colonia (Germania) per partecipare ed intervenire ad una manifestazione della destra estremista neonazista...fortunatamente bloccata per tempo sia la bocca degli scempi di Borghezio che la manifestazione in se.
Questo per dire al mondo come si dovranno preparare in vista dell'Expo Milano 2015 e dell'accoglienza che li attende...bravi!!!

Dal nord si passa al sud, sempre dello stesso stato (ex)...
In una sparatoria a Castel Volturno, vengono uccisi 6 extracomunitari.
Camorra in primo piano...atto di razzismo? regolamento di conti? Intimidazione?
Una cosa è certa, come dice Saviano nella lettera scritta su Repubblica:
in una realtà così piccola, come è possibile non individuare e stanare per sempre i responsabili? Coloro che per caricarsi si strafanno di cocaina e si gonfiano di Fernet Branca e vodka uccidendo all'impazzata senza mandato.

In tutto questo i media, lo stato dove sono? L'audience prevale sulla democrazia...e già perchè è più importante ascoltare le puttanate che i politici ci raccontano a ruota giorno dopo giorno, piuttosto che sapere che in Campania c'è una guerra continua che ha radici li e rami sparsi altrove...e che nel silenzio ampiano il loro potere manipolando e sfruttando tutti.
Ma è ancora più logorante è il fatto di sapere che i colpevoli vivono alla luce del giorno!

Oggi ho letto la lettera di Saviano e non c'è da commuoversi difronte ad una persona che con consapevolezza ha rinunciato ad una vita tranquilla, per offrirla ad un intero popolo che forse percepisce e forse no, un messaggio sacrosanto. Ne pubblico solo una piccola parte:

"Chiedo di nuovo alla mia terra che immagine abbia di sé. Lo chiedo anche a tutte quelle associazioni di donne e uomini che in grande silenzio qui lavorano e si impegnano. A quei pochi politici che riescono a rimanere credibili, che resistono alle tentazioni della collusione o della rinuncia a combattere il potere dei clan. A tutti coloro che fanno bene il loro lavoro, a tutti coloro che cercano di vivere onestamente, come in qualsiasi altra parte del mondo. A tutte queste persone. Che sono sempre di più, ma sono sempre più sole."

No! Non c'è da commuoversi, c'è da seguire come esempio e unirei i suoi sforzi ai nostri e sostenerli fino in fondo!

"Svegliati e vivi la tua vita come hai sognato, altrimenti per esser realizzato non ti resterà che sperar di morir nel sonno."

venerdì, luglio 04, 2008

La legge è uguale per tutti! Uniamoci contro le ingiustizie e a favore di una democrazia paritaria

Uniamoci all'APPELLO contro il "Lodo Alfano"
Una raccolta di firme in difesa della Costituzione (firma anche tu!!!)


Mi unisco e spero possiate farlo anche voi, all'appello lanciato proprio ieri da 100 professori ordinari di diritto costituzionale e di discipline equivalenti, vivamente preoccupati per le recenti iniziative legislative intraprese dal Governo Berlusconi.


Per chiarezza le elenco qui di seguito:

1) bloccare per un anno i procedimenti penali in corso per fatti commessi prima del 30 giugno 2002, con esclusione dei reati puniti con la pena della reclusione superiore a dieci anni;

2) reintrodurre nel nostro ordinamento l'immunità temporanea per reati comuni commessi dal Presidente della Repubblica, dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dai Presidenti di Camera e Senato anche prima dell'assunzione della carica, già prevista dall'art. 1 comma 2 della legge n. 140 del 2003.
------------------------------------------------------------------------------------------------
Dichiarato illegittimo dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 24 del 2004, premesso che l'art. 1, comma 2 della Costituzione, nell'affermare che "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione", esclude che il popolo possa, col suo voto, rendere giudiziariamente immuni i titolari di cariche elettive e che questi, per il solo fatto di ricoprire cariche istituzionali, siano esentati dal doveroso rispetto della Carta costituzionale, rilevano, con riferimento alla legge di conversione del decreto legge n. 92 del 2008, che gli artt. 2 bis e 2 ter introdotti con emendamento a tale decreto, sollevano insuperabili perplessità di legittimità costituzionale perché:

a) essendo del tutto estranei alla logica del cosiddetto decreto-sicurezza, difettano dei requisiti di straordinaria necessità ed urgenza richiesti dall'art. 77, comma 2 Cost. (Corte cost., sentenze n. 171 del 2007 e n. 128 del 2008);

b) violano il principio della ragionevole durata dei processi (art. 111, comma 1 Cost., art. 6 Convenzione europea dei diritti dell'uomo);

c) pregiudicano l'obbligatorietà dell'azione penale (art. 112 Cost.), in conseguenza della quale il legislatore non ha il potere di sospendere il corso dei processi, ma solo, e tutt'al più, di prevedere criteri - flessibili - cui gli uffici giudiziari debbano ispirarsi nella formazione dei ruoli d'udienza;

d) la data del 30 giugno 2002 non presenta alcuna giustificazione obiettiva e razionale;

e) non sussiste alcuna ragionevole giustificazione per una così generalizzata sospensione che, alla sua scadenza, produrrebbe ulteriori devastanti effetti di disfunzione della giustizia venendosi a sommare il carico dei processi sospesi a quello dei processi nel frattempo sopravvenuti; rilevano, con riferimento al cosiddetto lodo Alfano, che la sospensione temporanea ivi prevista, concernendo genericamente i reati comuni commessi dai titolari delle sopra indicate quattro alte cariche, viola, oltre alla ragionevole durata dei processi e all'obbligatorietà dell'azione penale, anche e soprattutto l'art. 3, comma 1 Cost., secondo il quale tutti i cittadini "sono eguali davanti alla legge".

Non è più accettabile farsi calpestare!















Il paese ha bisogno di rialzarsi (slogan del PDL in campagna elettorale)
Non di piegarsi fino a spezzarsi!

Ascolta cosa dice travaglio su sua impunità...e sulle cose buone (?!) che stà realizzando il suo Governo








mercoledì, giugno 25, 2008

Al Cavaliere e alle alte cariche tutto è consentito!?


E si proprio così!

Mi consenta, se posso...non parliamo di "leggi ad personam", semplicemente di lotta all'immigrazione, ai giudici comunisti (toghe rosse) e di sicurezza (personale). Il problema è che c'è l'hanno sempre con il solito povero, innocuo Silvio.
E giustamente lui si deve difendere con tutte le armi che ha...o che trova...

Davanti agli occhi dell'Italia e del mondo intero, quest'uomo sta portando a termine la sua missione primaria...(altro che rialzare l'Italia)

Penso alle parole dette da Bossi pochi giorni fa (da repubblica):
"Il problema è che lui poi esagera un tantino, è troppo ossessionato da queste cose, ha troppa paura di finire in galera"

E come mai dovrebbe aver paura di finire in galera se non ha fatto niente?
Lo ha giurato anche sui propri figli!

mmmm secondo me c'è qualcosa che puzza...
ma può essere che sia solo io a farmi delle domande?

Adesso tocca al CSM (Consiglio Superiore della Magistratura) la decisione finale...
ma già dall' ANM (Associazione Nazionale Magistrati) arriva una sorta di tregua, per venire incontro ai bisogni di chi?...secondo voi? del popolo?
Ma non ci pensate neanche!!!
Ovviamente per venire incontro ai bisogni delle alte cariche dello stato, che invece di avere immunità dovrebbero essere i primi a dare il buon esempio e se sbagliano alzano i tacchi e smammano!!! Altro che mantere l'equilibrio democratico...

Sapete come mi sento? Come un frittata ci girano e ci rigirano come vogliono!

Credo ancora nella giustizia, proprio per questo a mio parere non ci devono essere tregue per nessuno, soprattutto per le alte cariche dello stato.

I fischi di oggi (video), per questi provvedimenti sono ancora troppo deboli!!!

Vabbè che è al governo il Popolo delle Libertà, ma queste sono vere e proprie ingiustizie.

venerdì, giugno 20, 2008

La tristezza della politica

Salve gente!!!

Scusate se è da un pò che non scrivo più un post...
In realtà mi stò accorgendo sempre più come sia triste la politica, soprattutto quella italiana.

Nel frattempo è salita la destra al governo e di cose disgustose ne stò vedendo e ne stò sentendo...

L'ultima è della giornata di ieri, con lo "stop ai processi" con due proposte di modifica al dl sicurezza dove si individuano i processi urgenti sospendendo così gli altri...eh eh eh, scusate ma è abbastanza comico...voi direte perchè?

La risposta è semplice! Perchè tra i processi meno urgenti ci sarebbe proprio il dibattimento Mills che vede imputato proprio il premier.
Lui,il premier, ovvero Silvio Berlusconi...ovviamente in qualche modo doveva trovare una scusante...ritirando fuori proprio "le toghe rosse" e offendendo nuovamente la magistratura che ormai ha pochissimi strumenti per portare a termine i processi importanti!

E già, perchè oltre ai dl sul pacchetto sicurezza che prevede il reato di clandestinità, c'è anche quello sulle intercettazioni e poi parlando di leggi "ad personam" c'è il dl "salva rete 4"...e per finire quello di ieri!

Una Vergogna!


Probabilmente in qualsiasi altro paese, la gente sarebbe scesa in piazza a protestare ad esternare l'ingiustizia che palesata davanti al mondo.
Ma in Italia i soporiferi televisivi funzionano bene...e quindi si dorme!

Quindi a me non resta che augurarvi:
BUONA NOTTE!!!

Rino Gaetano, adesso la stessa rabbia stò vivendo! (video YouTube)

mercoledì, giugno 20, 2007

L’Oligarchia non si cambia, si caccia!


Lista civica
Originally uploaded by mixsuff
Ieri ho partecipato alla presentazione del nuovo libro di Elio Veltri, “il governo dei conflitti” tenutasi a Pesaro.

Del libro in verità si è parlato poco, il tema “caldo” del discorso è stata l’illustrazione del “manifesto per la riforma della politica”.
Si è trattata di una discussione aperta, dove erano ben accette le domande, critiche o le segnalazioni e devo dire che Elio Veltri, oltre a rispondere in maniera pertinente e completa, faceva trasparire dal suo tono e dai suoi gesti, la rabbia verso il problema dei conflitti d’interessi e sui temi che attraverso le petizioni si vuole porre rimedio.

Ecco le 5 petizioni illustrate (in modo da comprendere meglio il succo del discorso):

· Costi della politica
· Petizione per la responsabilità dei partiti
· Contrasto ai conflitti di interessi nelle istituzioni, nell'economia, nella società
· Petizione per l'ambiente
· Petizione per la salute

Veltri ha tenuto a precisare che la lista civica nazionale non è un partito, anche perché ha detto, che i primi sottoscrittori (Dario Fo, Franca Rame, Beppe Grillo, Marco Travaglio, Lidia Ravera, Antonio Tabucchi ecc..), non l’avrebbero mai firmata!

L’ideale di fondo, dice Veltri così come dice Roberto Alagna, è il fatto che la rifondazione del sistema non può arrivare dagli stessi protagonisti della crisi, sarebbe un loro suicidio!
La cupola dei partiti va spezzata dal basso, facendo pressione perché se ne vadano a casa!
Sempre Veltri, accusa il sistema di rappresentare la vera antipolitica, per questo deve esserci un taglio netto e soprattutto ha ricordato che la cosa più difficile in politica (ma questo lo sapevamo già) è dire la verità! E spesso chi dice la verità deve tener pronto il cavallo per la fuga…(e su questo ha riportato il suo personale esempio, ricordando la sua campagna elettorale a Cosenza accompagnato dalla scorta).

Parlando della lista civica nazionale, come lista “trasversale”, cioè aperta a coloro che sono restati delusi sia a destra che a sinistra, dice:
“può essere l’approdo per milioni di persone alle prossime elezioni, partendo dal basso così come dovrebbe essere, ecco perché la lista è chiamata, lista civica per la repubblica dei cittadini”.

Obbiettivi concreti, determinanti e a mio avviso coerenti, per una svolta tanto attesa, che mai ha raggiunto il traguardo!
Una speranza è alle porte, speriamo non deluda…

Vi segnalo anche il blog perchè ritengo sia molto partecipativo e interattivo

venerdì, maggio 25, 2007

Problemi su problemi


Problemi su problemi
Originally uploaded by mixsuff
Tappi un buco e se ne aprono due(se sei forunato)!

Questa è la storia dell' Italia, che da una parte cresce economicamente (da quanto risulta negli ultimi dati istat) e dall'altra registra delle situazioni di regressione insostenibili.

La vignetta mi sembra molto simbolica, in pratica oltre ad esporre due grandi problemi d'attualità, che sono il rifinanziamento della missione in Afghanistan e il problema dei rifiuti in Campania, lascia sottointendere il detto:"i panni sporchi si lavano in casa", per portarci ad un ragionamento successivo che induce a pensare..."ma con tutti i problemi che abbiamo...pure altrove li raccattiamo?"; con questo non voglio dire che bisogna mollare tutto e lasciare l'Afghanistan su due piedi, ma gradualmente e come ha detto anche il "ministro degli esteri" Massimo D'Alema, trovando soluzioni che non siano solo armate (come richiedeva il "pistolero" Bush dall'America).

La verità è che bisognerebbe agire con determinazione e prendere delle scelte serie che mettano una pietra sopra definitivamente.

Un'altro dei problemi, deriva sicuramente da Mastella...come ad esempio la legge sui DICO...perchè non dare i diritti alla gente?E' come se non venissero calcolati e questo è inaccettabile in un paese democratico; purtroppo non vi è uno stato realmente LAICO, ma mascherato e fortemente influenzato...

La chiesa "ricatta"? Sembra proprio di si, se dice che scomunicherà coloro che voteranno a favore della legge...a me sa di ricatto?! O no?
Chiedo a coloro che daranno diritti, di non farsi intimorire e che ben venga la scomunica se lo si fa per dare diritti...la chiesa avrà solo da perdere!